Tariffario - Onorari a Percentuale
 

Tariffario per le prestazioni professionali dei geologi
IV Onorari a Percentuale (*) Le cifre in neretto sono aggiornate al D.M. 30 luglio 1996 n.519
Artt.18-19-20-21-22-23-24-25-26

Art. 18

Sono normalmente compensati a percentuale gli studi e le indagini geognostiche riguardanti:

  • costruzioni edili;
  • impianti industriali;
  • ferrovie e strade;
  • opere idrauliche;
  • fognature urbane;
  • ponti e strutture speciali.

Agli effetti della determinazione degli onorari a percentuale le prestazioni del geologo riguardano lo studio geologico del progetto ed il relativo preventivo, per quanto di sua competenza, nonché, per la parte geognostica, la stipulazione dei contratti di esecuzione e la direzione dei lavori e l'assistenza al collaudo e la liquidazione.

Art. 19

Gli onorari a percentuale comprendono tutto quanto è dovuto al geologo per l'esaurimento dell'incarico conferitogli, restando a carico di esso tutte le spese di ufficio, di personale di ufficio (sia di concetto che di ordine), di cancelleria, di copisteria, di disegno in quanto strettamente necessarie allo svolgimento dell'incarico; gli sono però dovuti a parte ed in aggiunta di eventuali compensi a rimborso di cui agli articoli: 12, comma d), ivi compresi i tempi di accesso ai luoghi di lavoro, 14, comma a), c), d), e) ed art. 29.

Delibera C.N. n. 174 del 24 giugno 1992

Se i compensi a rimborso sono esposti in dettaglio utilizzando gli artt. 12, comma d), 14, commi a), c), d), e) ed art. 29, la loro somma può anche essere superiore all'importo che deriverebbe utilizzando il 60% massimo previsto dall'art. 20.

Art. 20

Il geologo, per i lavori da liquidarsi a percentuale, ha facoltà di essere compensato a norma del precedente articolo, ovvero di conglobare tutti i compensi accessori in una cifra che non potrà superare il 60% degli onorari a percentuale.
In caso di disaccordo con il committente, la percentuale di tale conglobamento sarà determinata dal Consiglio dell'Ordine, sempre però entro il predetto limite massimo.

Art. 21

Agli effetti della determinazione degli onorari a percentuale dovuti al geologo le opere considerate vengono suddivise nelle seguenti classi e categorie, avvertendo che se lo studio geologico interessa più di una categoria gli onorari spettanti al geologo vengono commisurati separatamente agli importi dei lavori di ciascuna categoria e non globalmente.

STUDI GEOLOGICI RIGUARDANTI

Classe

Categoria

Oggetto

I

a)

Costruzioni rurali industriali e civili: costruzioni informate a grande semplicità, case e ville per comune abitazione, edifici residenziali, complessi industriali, costruzioni pubbliche che incidono in maniera non rilevante sul terreno di fondazione.

b)

Edifici e grandi complessi residenziali, industriali e pubblici che incidono in modo rilevante sul terreno di fondazione.

.

II

a)

Strade ordinarie, superstrade ed autostrade, linee tramviarie e strade ferrate in pianura.

b)

Strade ordinarie, superstrade ed autostrade, linee tramviarie e ferrovie in collina e montagna; funivie e funicolari.

.

III

.

Cimiteri, gallerie, opere sotterranee, fondazioni speciali, briglie, dighe, ponti, opere di navigazione interna o portuali, fognature, opere subacquee (con l'aumento del 50% sui rispettivi valori della tabella).


Delibera del C.N. n.531 del 20 novembre 1984

Definizione delle classi e categorie:

Classe Ia: rientrano nella Classe I categoria a) le costruzioni nei terreni lapidei omogenei e nei terreni sciolti omogenei scarsamente compressibili e senza problemi di drenaggio, in entrambi i casi senza problemi di stabilità con le dimensioni non superiori alle seguenti per ogni singola costruzione: max alt. f.t. = m 7,50, perimetro max = m 100.

Classe Ib: ... omissis... sul terreno di fondazione.
- Costruzioni di dimensioni superiori a quelle indicate per la Ia;
- Edifici di dimensioni anche inferiori a quelle indicate nella Classe Ia ma con ubicazione su pendii/versanti che richiedano verifiche di stabilità o edifici per usi industriali con caratteristiche speciali e di peculiare importanza tecnica (es. piccole centrali di pompaggio, piccole centrali elettriche e similari).

Classe IIa-IIb.
Ferma restando la suddivisione tra categoria a) e categoria b) del tariffario, le opere d'arte di progetto quali ponti, muri di sostegno di altezza f.t. superiore a m 3 o di dimensioni inferiori ma con fondazioni speciali, paratie, consolidamenti opere drenanti speciali, gallerie ecc., vanno computate nella Classe III, secondo gli importi previsti per tali opere ovviamente scorporati dall'importo complessivo del costo dell'opera.

Classe III.
Alle voci già previste dal tariffario possono assimilarsi anche le seguenti:

  • bonifiche, sistemazioni di bacini montani e di corsi d'acqua in genere;
  • discariche e colmate;
  • acquedotti, condotte e reti di distribuzione d'acqua naturale, minerale e termale;
  • condotti di fluidi in genere;
  • opere di sostegno e consolidamento; - sistemazione di versanti;
  • serbatoi, depuratori di liquami;
  • fondazioni speciali pertinenti manufatti che ricadano nella Classe II

Delibera del C.N. n. 204 del 28 novembre 1987

Ascrivere alla Classe III della tabella allegata all'art.21 tutte le prestazioni riguardanti opere cimiteriali, comunque connesse e/o ricadenti all'interno dei cimiteri.

Delibera del C.N. n. 175 del 24 giugno 1992

Le opere attinenti impianti telefonici, elettrici ed affini sono ascritte alla Classe II a o b in relazione alla minore o maggiore incidenza in termini di rischio ambientale.
Relativamente ai campi sportivi di:

  • ascrivere alla Classe I (a o b) le strutture murarie
  • ascrivere alla Classe II (a o b) i campi da gioco;
  • ascrivere alla Classe II (a o b) gli impianti di illuminazione
  • ascrivere alla Classe III le opere speciali.

Art. 22

Quando per l'esecuzione dello studio geologico per una delle opere indicate nel precedente articolo il geologo presta la sua assistenza all'intero svolgimento dell'opera, dalla compilazione del progetto, alla direzione dei lavori delle indagini geognostiche, al collaudo ed alla liquidazione, le sue competenze sono calcolate in base alla percentuale del consuntivo lordo dell'opera indicata alla tabella III.
A questi effetti per consuntivo lordo dell'opera si intende la somma di tutti gli importi liquidati alle varie imprese o ditte per lavori o forniture computati al lordo degli eventuali ribassi, aumentata degli eventuali importi suppletivi accordati alle stesse in sede di conto finale o di collaudo e senza tener conto, invece, delle eventuali detrazioni che il direttore dei lavori o il collaudatore potesse aver fatto per qualsiasi ragione sia durante il corso dei lavori sia in sede di conto finale o di collaudo.
L'applicazione della tabella per importi intermedi fra quelli indicati si fa per interpolazione lineare.
Per i lavori il cui importo di spesa non raggiunge il minimo di € 129,11 il compenso è valutato a discrezione. In difetto di una stima del valore dell'opera, anziché la tariffa a percentuale si applicheranno le altre tariffe di cui all'art. 2, adottando il criterio per analogia.

TABELLA III
ONORARI A PERCENTUALE SUL CONSUNTIVO LORDO DELL'OPERA

Importo opere (euro)

.

Classi e Categorie

I-a

I-b . (in percentuale)

Fino a

5.164,57

3,769

2,826

.

sull'eccedenza fino a

10.329,14

1,884

2,826

sull'eccedenza fino a

25.822,84

1,507

2,826

sull'eccedenza fino a

51.645,69

1,131

2,261

sull'eccedenza fino a

103.291,38

0,754

1,507

sull'eccedenza fino a

258.228,45

0,377

0,754

sull'eccedenza

.

0,188

0,377

.

. . . . .

.

.

II-a

II-b

III

Fino a

5.164,57

4,711

5,653

6,595

sull'eccedenza fino a

25.822,84

1,884

2,826

5,653

sull'eccedenza fino a

51.645,69

0,942

1,884

4,711

sull'eccedenza fino a

258.228,45

0,565

1,413

1,884

sull'eccedenza fino a

516.456,90

0,377

0,942

1,507

sull'eccedenza fino a

5.164.568,99

0,188

0,377

0,942

sull'eccedenza

.

0,075

0,151

0,565


Delibera del C.N. n. 176 del 24.6.1992
Il professionista nell'applicare la tabella III, relativamente al calcolo degli importi intermedi, a norma del 3° comma del presente articolo, deve utilizzare l'interpolazione lineare.

Art. 23
Gli onorari sono dovuti integralmente quando l'opera viene eseguita dal geologo in tutto il suo sviluppo, dal progetto iniziale sino al compimento ed alla liquidazione dei lavori ed anche quando avviene che, nell'adempimento dell'intero incarico, non siano eseguite o siano solo parzialmente eseguite alcune delle particolari operazioni specificate più avanti, sempreché l'aliquota o la somma delle aliquote parziali ad esse corrispondenti non superi il valore di 0,20 della tabella IV.
Sono esclusi dall'obbligo del geologo, salvo speciali accordi, l'assistenza giornaliera dei lavori e la tenuta dei libretti di misura e dei registri di contabilità. Le mansioni relative sono però affidate a persona di comune fiducia del committente e del geologo, sotto diretto controllo di quest'ultimo.
Il geologo ha diritto ad un maggiore compenso da valutarsi discrezionalmente entro il limite massimo del 50% della quota spettante per la direzione dei lavori, delle indagini geognostiche, quando, per la mancanza di personale di sorveglianza e di controllo o per essere i lavori eseguiti in economia, la direzione dei lavori richieda da parte del geologo un impegno personale maggiore del normale.

TABELLA IV
ALIQUOTE DA APPLICARSI ALLE PERCENTUALI DELLA TABELLA III

Classi di lavori

Prestazioni parziali

I-a

I-b

II-a

II-b

III

a)

Progetto di massima (studi geologici) e preventivo sommario indagini geognostiche

0,20

0,20

0,25

0,25

0,15

b)

Preventivo particolareggiato indagini geognostiche, capitolati ed appalti per indagini geognostiche

0,10

0,10

0,05

0,05

0,10

c)

Progetto esecutivo (studi geologici)

0,40

0,40

0,30

0,30

0,35

d)

Direzione lavori di carattere geologico

0,20

0,20

0,30

0,30

0,30

e)

Assistenza ai collaudi e liquidazioni .

0,10

0,10

0,10

0,10

0,10


Delibera del C.N. n. 48 del 27 aprile 1993
In coerenza con quanto previsto al comma 1° dell'art. 23 del Tariffario dei Geologi, non si acquisisce il diritto all'onorario integrale, quando la somma delle aliquote corrispondenti alle prestazioni non eseguite non superi il valore di 0,20 della tabella IV. Si esclude pertanto che gli onorari possano essere conseguiti integralmente quando la somma delle prestazioni comunque effettuate ivi compresa la maggiorazione scaturita dall'applicazione del comma 3° dello stesso articolo, raggiunga lo 0,80.
Interpretazione autentica della delibera del C.N. n. 198 del 22 ottobre 1992 relativa al 3° comma dell'art.23
In ordine al disposto di cui al 3° comma dell'art. 23 che recita: «Il geologo ha diritto ad un maggiore compenso da valutarsi entro il massimo del 50% della quota spettante per la direzione dei lavori delle indagini geognostiche» il Consiglio Nazionale chiarisce che detto maggior compenso deve commisurarsi alla frazione dell'aliquota 'c' spettante per la direzione lavori delle indagini, cos' come specificato all'art.26, ed è fissato nella misura massima del 50% dello 0,10 per le prestazioni che ricadono nelle classi I-a e I-b, del 50% dello 0,15 per le prestazioni che ricadono nelle classi II-a e II-b e del 50% dello 0,175 per le prestazioni che ricadono nella classe III; in ogni caso il detto maggior compenso dovrà essere adeguatamente motivato.

Art. 24
Quando le prestazioni del geologo non seguono lo sviluppo completo dell'opera, ma si limitano solo ad alcune funzioni parziali per effetto di una successiva limitazione dell'incarico originario, la valutazione dei compensi a percentuale è fatta sulla base delle aliquote specificate nell'allegata tabella IV aumentata del 25%. Qualora però l'opera del geologo si limiti alla sola assistenza al collaudo od alla sola liquidazione dell'opera, ovvero anche ad entrambe queste prestazioni, dette aliquote sono aumentate del 50%. Nel caso di incarico parziale originario le dette aliquote o percentuali vanno computate in base all'importo consuntivo lordo dell'opera corrispondente o, in mancanza, al suo attendibile preventivo.
Art. 25
Nel caso di sospensione dell'incarico il compenso si valuta applicando le corrispondenti percentuali al consuntivo della parte di opera eseguita ed al preventivo della parte di opera progettata e non eseguita, facendone il cumulo.
In ogni caso sono da computarsi a parte gli eventuali compensi a vacazione per le prestazioni eseguite, il rimborso delle spese e le eventuali prove ed analisi di laboratorio.

Art. 26
Agli effetti di quanto precedentemente disposto, la prestazione complessiva del geologo per l'adempimento del suo mandato comprende le seguenti operazioni:
  • studio per la compilazione della relazione geologica relativa al progetto di massima della costruzione e compilazione del preventivo sommario dei lavori a scopo geognostico;
  • compilazione del programma dettagliato delle prospezioni geognostiche, delle prove in sito e delle analisi, nonché del relativo preventivo particolareggiato;
  • studio per la compilazione della relazione relativa al progetto esecutivo includente:
    • prospezione ed assistenza alle prove ed analisi in sito e in laboratorio ed accertamento della regolare esecuzione;
    • elaborazione dei dati derivanti dalle prospezioni analisi e prove, esame del progetto esecutivo e programmazione degli eventuali interventi di sistemazione dell'area in esame o comunque relativi a problemi di natura geologica;
    • stesura della relazione definitiva con disegni e schizzi in numero e in scala sufficiente per identificarne le parti;
  • direzione ed alta sorveglianza sotto l'aspetto geologico dei lavori con visite periodiche al cantiere nel numero necessario ad esclusivo giudizio del geologo, emanando, in collaborazione con la direzione dei lavori, le disposizioni e gli ordini per l'attuazione della parte-geologica dell'opera progettata nelle sue varie fasi esecutive e sorvegliandone la buona riuscita;
  • operazioni di accertamento dal punto di vista geologico della regolare esecuzione dei lavori nelle successive fasi di avanzamento ed al loro compimento; liquidazione dei lavori di natura geognostica.
A ciascuna di queste operazioni corrispondono per ogni singola classe dei lavori le aliquote indicate nell'allegata tabella IV da applicarsi alle percentuali di cui all'allegata tabella III, intendendosi che, con l'aliquota dello studio geologico del progetto esecutivo vanno sempre sommate quelle del progetto di massima e del preventivo sommario steso dallo stesso progettista. (n.d.r. a + c)
Delibera del C.N. n. 184 del 6 dicembre 2000
Richiamando i diversi livelli di progettazione, come definiti dalla legge 11.02.1994 n. 109 e successive modificazioni nonchè dal D.P.R. 21.12.1999 n. 554, e le diverse fasi delle prestazioni professionali del geologo, come previste dal D.M. 18.11.1971, art. 23 tab. IV e art. 26, si deve intendere, fermi restando i contenuti delle prestazioni relative alle fasi b), d), e) dei predetti articoli, che:
  • la prestazione parziale a) corrisponde allo studio per la compilazione della relazione geologica relativa al progetto preliminare e comprende anche la compilazione del preventivo sommario dei lavori a scopo geognostico;
  • la prestazione parziale c) corrisponde allo studio per la compilazione della relazione geologica relativa al progetto definitivo ed esecutivo e comprende:
    • la prospezione e l'assistenza alle prove ed analisi in sito ed in laboratorio e l'accertamento della regolare esecuzione;
    • la elaborazione dei dati derivanti da prospezioni, analisi e prove, l'esame del progetto definitivo ed esecutivo e la programmazione degli eventuali interventi di sistemazione dell’area in esame o comunque relativi a problemi di natura geologica;
    • la stesura della relazione geologica definitiva ed esecutiva, con disegni e schizzi in numero e scala sufficiente per identificarne le parti.
Rimane fermo che all’aliquota c) relativa allo studio geologico del progetto definitivo ed esecutivo va sempre sommata l'aliquota a) relativa al progetto preliminare ed al preventivo sommario steso dallo stesso professionista.
Qualora le due fasi della prestazione parziale c) (studi geologici relativi al progetto definitivo e studi geologici relativi al progetto esecutivo) siano affidate separatamente a due geologi distinti, a ciascuno di essi spetterà il compenso corrispondente all’aliquota parziale c), riferita alla relativa classe di lavoro.

Circolare del C.N. n. 159 del 21 marzo 2002
OGGETTO: Determinazione degli onorari spettanti ai geologi per le operazioni di collaudo. D.P.R. 554/1999, art. 188, punto 2, e art. 210, punto 2.
Il Consiglio esamina la questione relativa alla determinazione degli onorari relativi ai collaudi effettuati dai geologi non appartenenti all'organico della stazione appaltante, a norma dell'art. 210, punto 2, del D.P.R. 554/1999.
Il Consiglio Nazionale dei Geologi, premesso che:
  • il Tariffario per le prestazioni professionali dei geologi, di cui al D.M. 18.11.1971 e successive integrazioni e modificazioni, non prevede i compensi per le operazioni di collaudo come individuate all'art. 187 del D.P.R. 554/1999, da affidarsi ai geologi a norma dell'art. 188, punto 2, del D.P.R. 554/1999;
  • l'art. 210, punto 2, del D.P.R. 554/1999 rimanda al Tariffario degli ingegneri ed architetti la determinazione degli onorari spettanti ai collaudatori;
  • i geologi nonché i dottori agronomi e forestali, in forza delle norme innanzi citate, devono far ricorso alla tariffa degli ingegneri per la quantificazione degli onorari in oggetto;
stabilisce,
con delibera n° 17/2002, che l'onorario come innanzi determinato debba poi essere riferito agli articoli 12 e 27 del Tariffario dei geologi, da richiamarsi nella stesura della parcella professionale.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Cliccando su OK , accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. +Info