Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

 
Egr. Presidente,
ho avuto modo di leggere alcune dichiarazioni a lei attribuite in occasione dell’incontro, tenutosi ieri sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, promosso da ANCI, Presidenza del Consiglio dei Ministri, e Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Le sue preoccupazioni per la cronica carenza di personale tecnico qualificato negli organici di numerose realtà locali sono purtroppo condivisibili. Le conseguenze negative di tale insufficienza sono note da tempo, sia ai cittadini sia agli addetti ai lavori. In un momento di sfide epocali come quello che stiamo vivendo, simili carenze rischiano di vanificare le opportunità offerte dal PNRR per dare finalmente ai calabresi servizi essenziali più efficienti e una migliore qualità della vita.

Occorre, senza dubbio, assicurare il corretto e rapido impiego delle risorse per la progettazione degli interventi. A tale riguardo, ho appreso con stupore della lettera che lei avrebbe inviato (soltanto) ai Rettori delle università calabresi affinché garantiscano supporto. Comprendo il ruolo di indirizzo che l’Accademia e gli Istituti di Ricerca potrebbero fornire in questa fase, ma ritengo altrettanto fondamentale il coinvolgimento degli ordini professionali (in particolare, di quello da me presieduto), e quindi delle centinaia di validi professionisti a essi afferenti, per ottimizzare gli sforzi finalizzati agli studi territoriali, alla pianificazione e alla progettazione delle opere, a tutto vantaggio di una decisa ripresa socio-economica.

Grazie alle proprie competenze, i professionisti possono offrire un importante supporto (al pubblico e al privato) per istruire correttamente le pratiche e ottimizzare l’impiego delle risorse, con maggiori garanzie sulla qualità e la riuscita degli interventi tecnici. In particolare, i Geologi possono offrire il proprio peculiare contributo per un ampio ventaglio di finalità – dalla salvaguardia del territorio alla mitigazione dei rischi naturali (in parte, accentuati dai cambiamenti climatici), dalla bonifica dei siti inquinati al miglioramento della gestione dei rifiuti, dall’utilizzo sostenibile delle geo-risorse alla riduzione dell’inquinamento, al miglioramento dell’efficienza energetica.

Tra i temi principali del PNRR, c’è il rapporto della Pubblica Amministrazione con il mondo delle professioni nei diversi settori (scientifico, ambientale e di pianificazione/progettazione), anche attraverso la semplificazione delle strutture organizzative e lo snellimento dei procedimenti decisionali, autorizzativi e di controllo. Considerata la rilevante mole di risorse previste dal PNRR, risulta inoltre quantomai fondamentale una corretta selezione dei soggetti da coinvolgere per il supporto alle attività della PA. A tal fine, dall’agosto scorso, è stato implementato il portale inPA per il reclutamento di posizioni di carattere tecnico (cfr. https://www.inpa.gov.it/), attualmente in corso di popolamento con la registrazione dei professionisti interessati. Attraverso semplici strumenti di preselezione delle competenze desiderate, gli enti pubblici potranno scegliere in maniera più efficace i soggetti cui affidarsi.

Il portale inPA è destinato ad assumere un ruolo importante per le opportunità di impiego e di collaborazioni qualificate, offrendo un ampio bacino di candidati esperti, appartenenti ai diversi ordini professionali, in grado di dare un prezioso contributo alla crescita e alla modernizzazione della Calabria. Sollecitiamo, come ordini professionali, l’adesione degli iscritti a detta piattaforma, e ne auspichiamo al contempo un utilizzo esteso da parte della Pubblica Amministrazione.

Confidando in un positivo riscontro, le porgo distinti saluti.

Catanzaro, 24 novembre 2021

Il Presidente
Ordine dei Geologi della Calabria
dott. Giulio Iovine
 

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy policy